PRODOTTI


Prodotti Biologici
Prodotti Fairtrade
Novità

PROGETTI

330003 - COUS COUS 500 GRAMMI  

indietro progetto
Giacenza 28
Prezzo listino € 4,40   Iva inclusa al 10,00%
Confezione 12
Dimensioni 500 GR
Quantità
Aumenta quantità
Diminuisci quantità
Progetto PARC
Paese origine PALESTINA
Descrizione PARC – Palestinian Agricultural Relief Committees – Palestina



Palestinian Agricultural Relief Committees è un’Ong fondata nel 1983 con lo scopo di appoggiare da un punto di vista sia economico che sociale le comunità rurali palestinesi. Tale appoggio passa attraverso la creazione di piccole cooperative agricole alle quali Parc fornisce credito, assistenza tecnica, controlli di qualità, formazione ecc. La situazione dei lavoratori palestinesi, come è risaputo, non è certo facile: l’economia palestinese è letteralmente soffocata a causa della chiusura imposta dall’occupazione israeliana di Gaza e della West Bank. Migliaia di lavoratori sono impossibilitati a raggiungere i propri posti di lavoro in Israele e nella parte araba di Gerusalemme Est, si stima che la disoccupazione raggiunga una percentuale vicina al 55%. Le possibilità di scambi commerciali sono estremamente ridotte. In questo contesto, il ruolo delle cooperative assume una particolare importanza sia perché garantiscono una fonte di reddito di cui le famiglie hanno fortemente bisogno sia perché contribuiscono alla sopravvivenza di un’economia palestinese attraverso lo sviluppo della produzione locale e di attività di esportazione.

In particolare, Parc sta cercando di incoraggiare le donne delle aree rurali a mettere in piedi delle attività produttive che possano garantire un’ulteriore e preziosa fonte di reddito per le loro famiglie, oltre che una posizione migliore all’interno della società per loro stesse. Le donne ricevono una formazione specifica riguardo alla lavorazione di prodotti alimentari come marmellate, sottaceti, miele, olive, erbe aromatiche e couscous. Inoltre, le donne vengono coinvolte nella diretta gestione della cooperativa, diventando progressivamente autonome non solo a livello produttivo, ma anche amministrativo e di marketing. I prodotti, lavorati interamente a mano e privi di conservanti, sono venduti sia sul mercato locale che all’estero. Il grano usato per la produzione del couscous è coltivato nei villaggi dove hanno sede le cooperative o nelle vicinanze.

Il prodotto

Couscous, Matfoul, Kisksoon sono nomi diversi che indicano uno stesso prodotto. In Tunisia, Libia e Marocco viene usato il nome couscous, nome che si è poi diffuso prima nei paesi francofoni e poi in tutta Europa. Il nome maftoul viene invece usato in Palestina, Libia e Giordania.
La parola couscous indica sia la semola lavorata con l’acqua e farina per ottenere i granellini finissimi sia il piatto completo di verdure e carne o pesce.
Il couscous va cotto a vapore in una couscoussiera o, in mancanza di questa, si può utilizzare uno scolapasta di metallo, appoggiato su una pentola dove cuoce il brodo con le verdure e la carne o il pesce.

Per ricette e preparazione vedi “Cucina araba”, Ed. Sonda