PRODOTTI


Prodotti Biologici
Prodotti Fairtrade
Novità

PROGETTI

BANGLADESH - BASE

prodotti relativi
BaSE sta per Bangladesh Shilpo Ekota, che significa Unione Artigiana Bangladesh.
E´ una struttura che coordina 11 gruppi di artigiani e coinvolge circa 10.000 donne.
Lo scopo è di capire i problemi relativi al lavoro e alla vita e cercare di aiutare le donne a
conquistare la dignità sociale, pagare l´istruzione dei figli, sviluppare competenze nel campo
artigianale, commerciale e amministrativo.
BaSE è stata fondata nel 1992 per coordinare le attività di artigianato presenti nell’area
intorno a Khulna, nel sud ovest del Bangladesh.
BaSE sta per Bangladesh Shilpo Ekota, che significa Unione Artigiana Bangladesh.
E´ una struttura che coordina 11 gruppi di artigiani e coinvolge circa 10.000 donne.
Lo scopo è di capire i problemi relativi al lavoro e alla vita e cercare di aiutare le donne a
conquistare la dignità sociale, pagare l´istruzione dei figli, sviluppare competenze nel campo
artigianale, commerciale e amministrativo.
BaSE è stata fondata nel 1992 per coordinare le attività di artigianato presenti nell’area
intorno a Khulna, nel sud ovest del Bangladesh.
BaSE
Bangladesh
Bangladesh Shilpo Ekota (da cui l’acronimo BaSE, che sta per Unione Artigiana Bangladesh) è una struttura
nata nel 1992 come coordinamento di diversi gruppi di produttori, alcuni dei quali già attivi fin dal 1975.
Attualmente BaSE coordina numerosi gruppi di artigiani, tra cui oltre 10.000 donne, e la sua attività si
concentra soprattutto a Khulna, nel sud-ovest del Bangladesh.
Lo scopo
Lo scopo principale e quello di aiutare le donne a conquistare maggior dignità famigliare e sociale, e
sviluppare competenze in ambito artigianale, commerciale ed amministrativo.
Parte dei proventi delle esportazioni vengono utilizzati per creare fondi di assistenza, per migliorare le
condizioni igienico-sanitarie e le strutture educative delle comunità locali.
Il lavoro di questi anni ha consentito a molte donne di acquisire maggior autonomia e maggiore peso nelle
decisioni che riguardano la loro vita e quella dei figli.
La storia
Nel periodo compreso tra il 1972 e il 1978, grazie all’aiuto e alla collaborazione di alcune organizzazioni
presenti in Bangladesh, nacquero diverse attività artigianali in numerosi villaggi.
Molti furono i problemi che dovettero affrontare, comprese le grandi difficoltà di comunicazione tra la
capitale, dove avevano sede le organizzazioni non governative, e le aree più periferiche come il sud ovest del
paese.
Nel 1977 alcuni gruppi di quest’area allacciarono dei contatti con alcune organizzazioni, soprattutto europee;
uno di questi gruppi, il Bhabarpara Pat Kutir Shilpo, essendo iscritto nel registro delle cooperative, ottenne i
permessi necessari all’esportazione e iniziò questa attività servendosi dal vicino porto di Mongla.
Per gestire il lavoro di coordinamento dei diversi gruppi e le esportazioni, nel 1978 viene costituito un primo
comitato.
Nel frattempo i rapporti con le organizzazioni europee aumentarono tanto che, su consiglio e grazie al
contributo dell’organizzazione italiana Sir John Ltd., venne avviato il percorso per costituire una struttura,
legalmente riconosciuta, di cui avrebbero fatto parte le varie associazioni coinvolte nel progetto.
La raccolta delle foto dei prodotti e la realizzazione di un listino completo necessitò di molto tempo, anche a
causa del continuo aumento del numero di gruppi di artigiani coinvolti, ma queste attività comuni formarono
il nucleo iniziale attorno a cui si consolidò l’idea della fondazione di BaSE.
Questo nome fu adottato nel 1992 per sottolineare lo spirito e l’essenza di questa nuova realtà, anche se i
documenti per l’esportazione continuarono a essere intestati al Bhabarpara Pat Kutir Shilpo, uno dei gruppi
fondatori, fino a che, nel 1999, BaSE ottenne il riconoscimento del governo bengalese e venne inserita nel
registro del Dipartimento per gli Affari Sociali.
Nello stesso anno divenne anche membro effettivo di Ifat (International Federation for Alternative Trade).
Gli obiettivi
BaSE ha adottato una linea operativa mirata a responsabilizzare i gruppi di produttori coinvolgendoli
direttamente nei vari aspetti inerenti la propria attività: in questo modo vengono implementate le capacità
degli artigiani e il loro livello di formazione, favorendo l’autostima e l’autogestione.
Questa modalità operativa, che prevede la formazione delle varie professionalità all’interno della propria base
sociale, ha consentito di creare nuove opportunità di lavoro a livello locale e di ridurre i costi della struttura.
Attualmente le persone stipendiate sono tre e si occupano del coordinamento dei vari gruppi, delle pratiche
per l’esportazione e della gestione del magazzino.
Tutti gli altri tipi di lavoro relativi come contabilità, controllo qualità, imballaggio,… ,vengono seguiti a
livello di ogni singolo gruppo, in particolar modo dalle donne.
BaSE offre momenti di formazione, una supervisione generale e le sue attività sono finalizzate a:
• dare continuità agli ordini, in modo da consentire una fonte di reddito per quanto possibile continuativa
agli artigiani coinvolti;
• ridurre al minimo le incidenze delle spese di esportazione in modo che queste non gravino
eccessivamente sulla struttura, sottraendo risorse importanti che potrebbero essere impiegate nello
sviluppo di nuovi progetti;
• svolgere le varie attività, comprese la gestione dei costi e la formulazione dei prezzi, in modo
trasparente, richiedendo lo stesso impegno nella programmazione degli ordini agli importatori.
• favorire la partecipazione attiva dei gruppi di produttori, spingendo le singole organizzazioni ad
avviare relazioni personali con le strutture con le quali BaSE si relaziona.
La struttura organizzativa
BaSE coordina il lavoro di numerosi gruppi di artigiani ciascuno dei quali composto in genere da 10 a 15
unità produttive, formate nella quasi totalità da donne.
Ogni unità elegge un rappresentante che prende nota della produzione, cura la gestione economica e
partecipa, con i responsabili delle altre unità, al direttivo dove vengono prese le decisioni riguardanti l’intero
gruppo. All’interno del direttivo vengono eletti un direttore, un segretario e un contabile.
Nelle visite periodiche ai gruppi, i membri dello staff di BaSE incontrano, oltre ai singoli artigiani, anche i
membri del direttivo per concordare gli ordini e organizzare la produzione.
I seminari e gli incontri di formazione sono un’ottima occasione per affrontare i problemi e rispondere alle
istanze dei singoli gruppi, ma il momento privilegiato per confrontarsi rimane l’assemblea che si svolge due
volte l’anno.
I prodotti
Tantissimi i prodotti che BaSE offre: dagli oggetti in fibra di juta (borse, portaoggetti, amache, tappeti...), ai
bellissimi cesti in paglia, canna e bambù, dalle sikas (gli eleganti portavasi in paglia) alla papeterie, dalle
cornici in iuta riciclata o in fibra di giacinto d’acqua al vasellame impreziosito da intarsi in canna ed ottone.
Raffinate la pelletteria e le borse in iuta e cotone.
 
Allegati

BASE


YUTEW


BASE2


BASE3


BASE4


BASE5


BASE6


BASE7


BASE8


BASE9


BASE LAVORO

 VIAGGIO IN BANGLADESH
 BASE SHILPO EKOTA
 BASE PROGETTO