PRODOTTI


Prodotti Biologici
Prodotti Fairtrade
Novità

PROGETTI

SUD AFRICA - HARLEM HONEYBUSH TEA GROWERS

prodotti relativi
HAARLEM HONEYBUSH TEA GROWERS (HHTG) – Sudafrica
Introduzione
La regione del Capo di Buona Speranza ospita una pianta conosciuta dalla tradizione per le virtù della
sua forma selvatica, e ora al centro di un progetto del commercio equo e solidale per farne una risorsa a
tutti gli effetti.
Storia
HHTG esiste dal 1999 nel villaggio di Haarlem in Sudafrica. Raggruppa dieci persone la cui
occupazione principale è la raccolta dell’honeybush. La municipalità di Haarlem ha concesso a HHTG
l’uso di 10 ettari di terreno l’anno successivo alla fondazione, e nel settembre 2001 si è avuto il primo
raccolto.
Senza scendere nei dettagli, quando si pensa al Sudafrica è necessario tenere a mente un contesto fatto di
trecento anni di colonizzazione e schiavitù, seguito da un regime di apartheid che ha stretto il Paese per
un ulteriore mezzo secolo, fino al 1994. Il risultato è che blacks e coloured non hanno mai avuto la
possibilità di possedere la terra, ma solo di lavorarla come braccianti; sono stati esclusi da tutte le
occasioni imprenditoriali ed economiche; e in aggiunta hanno sempre seguito percorsi educativi
differenti dai bianchi, adatti a mantenerli soggiogati.
Le conseguenze sono essenzialmente maggiori difficoltà a creare realtà economiche e commerciali
valide, vitali e solide in Sudafrica.
Prodotti
L?honeybush è un cespuglio legnoso, alto circa un metro, che cresce selvatico in alcune zone del
Sudafrica, in particolare nell’area del Capo. Se ne conoscono 26 varietà, di cui 4 commerciali. Le
foglie e i ramoscelli sono utilizzati da tempo anche tradizionalmente per i benefici effetti sul sistema
digestivo e renale, oltre che come sostituto del tè privo di caffeina.
Il processo di trasformazione è ancora molto semplice e artigianale: l’honeybush cresce ancora
spontaneo e viene perlopiù raccolto, non coltivato.
La tisana “Honeybush” prodotta da HHTG è certificata biologica.
Progetti sociali
Lo scopo principale di HHTG è quello di sistematizzare la produzione e la trasformazione di honeybush
per trasformare quella che oggi è una diffusa forma di integrazione del reddito in una concreta
opportunità di occupazione e sviluppo.
Per fare ciò si è posta alcuni obiettivi specifici: l’acquisto di un mezzo di trasporto, la realizzazione di un
impianto di trasformazione, ma soprattutto a monte di questi progetti, la coltivazione della pianta.
L’importanza di creare una produzione stabile e sistematica deriva dal fatto che quando ogni raccoglitore
vende la sua piccola patita a uno dei trasformatori locali, allo scopo di realizzare un modesto guadagno
integrativo e temporaneo, diventa molto facile per l’acquirente ottenere un prezzo molto basso: le
potenzialità dell’honeybush come motore di sviluppo economico vanno quindi sprecate
HHTG ha quindi avviato una coltivazione sperimentale dell’arbusto: 90mila piante su dieci ettari, in
collaborazione con la municipalità per il terreno e l’Università di Stellenbosch, ARC e Infruitec per
consulenze e assistenza agrotecnica.
Conclusioni
HHTG, e in particolare il suo progetto di coltivazione, possono rappresentare la chiave per rendere
l’honeybush una vera risorsa di sviluppo per la comunità di Haarlem, liberando al contempo i
raccoglitori dal precariato estremo dove non esistono alcuna sicurezza né tutela.
 
Allegati
 HARLEM PROGETTO