PRODOTTI


Prodotti Biologici
Prodotti Fairtrade
Novità

PROGETTI

MOZAMBICO - MAPUTO BATIK

prodotti relativi
Il batik rappresenta una delle massime forme artistiche dell’Africa. L’arte dei batik originaria del sud est asiatico nei corso degli anni a influenzato l’africa e da qui si è tramandata di generazione in generazione fino ai giorni nostri. Kenya, Tanzania, Sud Africa, Zimbabwe Malawi, Mozambico, hanno sviluppato ciascuno uno stile pittorico particolare e spesso molto differente dagli altri. Ciò che accomuna tutti è, invece, il soggetto che viene raffigurato. Il batik è la trasposizione su tela (e in alcuni casi anche su materiali rigidi) di scene di vita quotidiana, d’immagini di una terra, l’Africa, cui gli africani si sentono legati come da un rapporto tra Madre e figli. Così come assolutamente unica è la tecnica pittorica usata, frutto della genialità di chi dispone di poche risorse materiali ma di una grande creatività.
Dipingere un batik è un’operazione molto complessa e laboriosa. Gli strumenti necessari sono: tela, cera, colori naturali e spatole di varia misura; non si usano pennelli. Per ottenere il disegno si lavora applicando con le spatole la cera sulla tela in modo tale da stilizzare l’immagine che si vuole ottenere. A questo punto bisogna immergere il tutto nel recipiente contenente uno dei colori prestabiliti, ad esempio l’azzurro per lo sfondo; una volta fatta sciogliere la cera, sulla tela resterà il negativo dell’immagine. Ripetendo l’operazione ma cambiando il colore nel recipiente, questa volta si procederà alla coloritura della parte rimasta precedentemente senza colore. L’operazione va ripetuta per ogni variazione di colore che si vuole ottenere.
Il progetto dei batik è collocato nella zona di Maputo, è composto da 13 artisti ognuno dei quali lavora con vari apprendisti da un minimo di uno fino a quattro o cinque, per un totale di circa 25 apprendisti, l’età media degli artisti è molto bassa, inferiore ai 30 anni, mentre gli apprendisti sono in genere ragazzi di 16 e 17 anni.
Coordinatore del gruppo è Felipe un giovane Mozambicano con notevoli capacità gestionali, a lui spetta il compito di dividere tra gli artisti gli ordini cha arrivano da Raggio Verde e da CTM, lui si preoccupa di prefinanziare gli artisti, di controllare la qualità dei prodotti, di organizzare la spedizione. Pur essendo, di fatto, un gruppo non riconosciuto, le decisioni che riguardano il lavoro vengono prese in perfetta democrazia e condivisione, tutti hanno sottoscritto un contratto-statuto in cui i ruoli i costi e le finalità, sono ben definiti e chiari a tutti.