PRODOTTI


Prodotti Biologici
Prodotti Fairtrade
Novità

PROGETTI

EL SALVADOR - UN NUEVO DESPERTAR

prodotti relativi
Coordinación de Talleres Un Nuevo Despertar
El Salvador

Un nuovo inizio
In un paese come il Salvador, densamente popolato e in cui la mano d’opera è sottopagata, i problemi principali degli artigiani sono quelli di guadagnare un giusto salario e di trovare spazio in un mercato che a livello locale si presenta alquanto saturo.
La Coordinación de Talleres Un Nuevo Despertar venne costituita nel febbraio del 1991 da quattro laboratori parrocchiali proprio per dare una risposta a questi problemi, con particolare attenzione all’ampliamento delle vendite all’interno del paese. Nel giro di pochi mesi la Coordinación si è poi trovata anche a favorire l’apertura di canali commerciali a livello internazionale e a promuovere il sostegno reciproco fra i membri che in poco tempo sono aumentati fino a raggiungere i 31 attuali.
I requisiti necessari per far parte della Coordinación sono ben chiari:
- che il gruppo faccia parte di una comunità, parrocchia o organizzazione di base;
- che generi occupazione per persone disoccupate e bisognose;
- che gli utili vadano a beneficio di tutti;
- che sia data priorità alla formazione integrale (cristiana, educativa, umana, organizzativa, artistica e creativa);
- che i gruppi siano disposti ad impegnarsi all’interno del coordinamento per il bene comune;
- che i gruppi siano disposti a condividere le proprie conoscenze tecniche senza per questo danneggiare altri taller.

I soci-artigiani provengono dai settori più poveri della società e vivono spesso in zone ripopolate da rifugiati dopo la fine del conflitto armato o in quartieri periferici delle città formatisi durante gli anni della guerra.
Un tipico esempio è rappresentato dal taller di “madera pintada” Arcoiris, nel quartiere Medina della periferia di San Salvador. Durante la guerra la parrocchia ed il quartiere svolsero un ruolo attivo nell’organizzazione del movimento di resistenza popolare, per cui furono oggetto di numerose occupazioni da parte dell’esercito, alla ricerca di guerriglieri e collaboratori, con conseguenti arresti e sparizioni. Ora la parrocchia di Calle Real è essa stessa un elemento di ricostruzione del tessuto sociale ed economico tramite un progetto cooperativo denominato La Epifania di cui fanno parte, oltre al laboratorio Arcoiris, una carpenteria per legno e ferro, costruzioni edili, una piccola manifattura per il confezionamento di abiti e persino una panetteria. In totale sono un centinaio le persone coinvolte.
Arcoiris di per sé impiega diciotto ragazzi (di età compresa fra i 15 e i 23 anni) in cosiddetto “ritardo scolare causato dalla guerra”, per i quali questo tipo di lavoro rappresenta la possibilità di ricostruire un percorso esistenziale formatosi lungo una vita profondamente segnata dalla guerra.

L’organizzazione del coordinamento Un Nuevo Despertar si esprime nell’Assemblea generale di tutti i soci, quindi negli incontri mensili con due rappresentanti per ogni gruppo con diritto di parola e di voto. Questo gruppo elegge il comitato coordinatore composto dalla segretaria, la tesoriera e da un rappresentante per ogni commissione (tutti volontari).
Le commissioni sono dieci e coprono le seguenti aree: relazioni pubbliche, vendite, gestione degli ordini, redazione del bollettino di collegamento, mercato internazionale, educazione e informazione, attività sociali, gestione della sala esposizione, formazione, concessione di prestiti.
Esiste poi il gruppo amministrativo formato da tre persone: il coordinatore, l’addetto di magazzino e il responsabile dell’esportazione; queste sono le uniche persone che ricevono un salario e che vengono assunte dal comitato coordinatore.
Infine ci sono due assistenti tecnici (volontari di organismi internazionali) per il marketing internazionale e per l’amministrazione.

La lavorazione
La lavorazione avviene in trentuno laboratori membri del coordinamento Un Nuevo Despertar ad opera di quattrocento artigiani, di cui circa l’80% sono donne. Questi laboratori sono situati in diverse zone del paese - San Salvador, San Miguel, Soyapango, Nahuizalco, Cuscatlàn, Cabañas, San Ignacio, San Sebastiàn, Chalatenango, La Libertad, Tacachico - e sono gestiti in maniera democratica, con un consiglio direttivo e rappresentanti eletti dall’assemblea dei lavoratori.
La vasta gamma di prodotti di cui dispone la Coordinación de Talleres Un Nuevo Despertar è composta da oggetti in legno dipinto con disegni tipici salvadoregni (“madera pintada”): croci, scatole, portapenne, decorazioni natalizie, quadretti, presepi, bigiotteria in copinol, etc.; biglietti e articoli di cancelleria decorati; abiti ricamati a mano; amache, borse, portamonete; uccelli di stoffa; bambole, fiori e presepi di foglie di mais, cesti e stuoie di fibre intrecciate; vasetti e portacandele di ceramica; articoli in cuoio.
Per il legno dipinto le fasi di lavorazione sono: lavoro di falegnameria, disegno delle figure tipiche sull’oggetto di legno, decorazione dei disegni a colori vivaci, rifinitura, pulitura e applicazione di uno strato protettivo di vernice trasparente. Tutti i diversi momenti della lavorazione avvengono all’interno del laboratorio, tranne quello di decorazione che viene affidato a donne che lo eseguono a casa propria nei momenti liberi.
Il processo di lavorazione della ceramica comprende invece la pressatura in stampi dell’impasto d’argilla preparato in precedenza, la cottura delle forme ottenute in piccoli forni, la loro decorazione con vernici a colori vivaci e la successiva rifinitura.
Per confezionare gli uccelli di stoffa, infine, la tela di vari colori viene prima tagliata secondo le forme desiderate, poi cucita e imbottita di cotone, quindi dipinta a mano per aggiungere i piccoli particolari, come becco e occhi, o per arricchire le diverse sfumature di colore.
Un Nuevo Despertar commercializza i prodotti dei talleres soci all’interno del paese tramite il punto-vendita/sala-esposizione di San Salvador, la vendita a parrocchie e gruppi di solidarietà e in occasione di fiere artigianali e feste popolari. Per gli anni ’92 e ’93 la vendita nel paese ha rappresentato oltre un terzo del fatturato totale. I rimanenti due terzi provengono dall’esportazione verso il Nordamerica e l’Europa ad agenzie di solidarietà e Ato’s fra cui Proyecto Salvador di Denver (Usa), Mennonite Central Committee (Usa), Self Help Craft (Usa e Canada) e Oxfam Trading (UK). Dal ’94 i prodotti di Un Nuevo Despertar vengono acquistati e distribuiti anche dalla Ctm.
La Coordinación applica al prezzo fissato dai laboratori un sovrapprezzo del 10% per il funzionamento della struttura e la gestione delle varie attività. Nel caso della spedizione all’estero un ulteriore margine del 5% si rende necessario per la copertura delle spese di esportazione.