PRODOTTI


Prodotti Biologici
Prodotti Fairtrade
Novità

PROGETTI

REPUBBLICA DOMENICANA - CONACADO

prodotti relativi
CONACADO – REP. DOMINICANA

La Confederacion Nacional de Cacaocultores Dominicanos, Inc. (Conacado) fu creata nel 1987, come parte di un progetto dell’organizzazione per lo sviluppo tedesca GTZ, per organizzare piccoli produttori di cacao e per dare loro la possibilità di commercializzare i loro prodotti. In undici anni di attività, Conacado è diventata un ancora piccolo ma significante fattore nel panorama della produzione di cacao in Repubblica Dominicana.
Conacado ha la propria segreteria nazionale nei pressi della capitale, ma opera su tutto il territorio nazionale coordinando nove organizzazioni regionali di coltivatori di cacao. Queste organizzazioni raggruppano in totale 130 associazioni con circa 9.000 membri, il che significa circa il 15% di tutti i coltivatori di cacao della Repubblica Dominicana, che in totale sono circa 40.000. Tutti i 9.000 contadini associati a Conacado possono essere definiti “piccoli”, appartengono cioè a quella categoria che conta circa 32.000 coltivatori di cacao che possiedono una quantità di terra compresa fra 0 e 5 ettari. Oltre a questi, esiste un gruppo di 8.000 coltivatori “medi” (da 5 a 10 ettari) e ci sono circa altri 2.000 coltivatori “grandi” (più di 10 ettari).
Le nove organizzazioni regionali che formano Conacado nel loro insieme vengono denominate “Bloque cacaotalero” e vengono numerate da 1 a 9. I Bloques, dal canto loro, sono in realtà unioni di cosiddette Associazioni. Queste Associazioni sono di fatto cooperative di servizi: ciò significa che i membri sono proprietari della terra che coltivano. La parola ‘cooperativa’ è usata in Repubblica Dominicana solo per quei gruppi che possiedono collettivamente la terra che coltivano insieme. Nelle Associazioni, invece, ogni contadino coltiva il suo pezzo di terra individualmente (con la famiglia) e solo alcune attività supplementari sono condotte in forma congiunta: acquisti, istruzione, commercializzazione, promozione.

Lo scopo principale di Conacado è la commercializzazione diretta da parte dei piccoli contadini stessi dei loro prodotti. Oltre a questo, Conacado si occupa dell’istruzione e della formazione degli associati, ma al momento questa è un’attività secondaria, perché non ci sono fondi sufficienti per svilupparla su larga scala. Prima che venisse fondata Conacado, i contadini vendevano i semi di cacao non fermentati ai grossisti che passavano dalle piantagioni molto tempo prima del raccolto. Questo comportava due svantaggi:
in primo luogo, visto che i grossisti pagavano subito, di fatto estendevano il credito dei coltivatori – caricandolo però di interessi piuttosto pesanti:
in secondo luogo, in questo modo i contadini vendevano i semi non fermentati, perdendo la considerevole differenza di valore che la vendita dei semi già lavorati avrebbe comportato.
Anche Conacado fa credito ai contadini, ma ad un tasso di interesse molto più basso. Inoltre, fin dall’inizio Conacado ha lavorato perché i membri imparassero la tecnica di fermentazione in modo da ricavare un guadagno maggiore. Infine, si comincia a rivolgere l’attenzione alla coltivazione biologica: alcuni coltivatori di Conacado hanno già convertito le loro coltivazioni, ed ora ricevono un 10% in più per il cacao biologico.


Tradizionalmente il ruolo delle donne nella coltivazione del cacao in Repubblica Dominicana è limitato alla partecipazione alla raccolta. Le donne generalmente si occupano di aprire il guscio ed estrarre i semi di cacao. Grazie all’appoggio dell’organizzazione tedesca GTZ, sono state iniziate delle attività economiche legate ai sottoprodotti del cacao:
“cocoa wine”: una bevanda fermentata che viene venduta sul mercato locale;
“cocoa jam”: fatta con le rimanenze dei gusci;
“chocolate sweets”: ottenuti con una lavorazione a freddo del cacao.
L’obiettivo è chiaro: lavorando i sottoprodotti del cacao, che di solito non vengono utilizzati, le donne creano un’ulteriore attività economica capace di garantire un’entrata supplementare nonché di rafforzare la cooperazione fra le donne stesse.

 
Allegati
 CONACADO PROGETTO